Charlie Gard, il Bambino Gesù di Roma pronto ad accoglierlo

L’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma si è offerto di ricoverare il piccolo Charlie Gard, il neonato di dieci mesi, ricoverato al Great Ormond Street Hospital di Londra per una rara malattia genetica.

L’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma si è offerto di ricoverare il piccolo Charlie Gard, il neonato di dieci mesi, ricoverato al Great Ormond Street Hospital di Londra per una rara malattia genetica.

“Ho chiesto al direttore sanitario di verificare con l’ospedale londinese, dov’è ricoverato il neonato, se vi siano le condizioni sanitarie per un eventuale trasferimento di Charile presso il nostro ospedale. Sappiamo che il caso è disperato e che, a quanto risulta, non vi sono terapie efficaci“.

Queste le parole di Mariella Enoc, presidente dell’Ospedale pediatrico Bambino di Gesù, su cui ha piena ed esclusiva giurisdizione il Vaticano.

Siamo vicini ai genitori nella preghiera – ha continuato la Enoc – e, se questo è il loro desiderio, lo accoglieremo“.

Il piccolo Charlie e i genitori

In molti vedono in questa proposta dell’ospedale romano l’effetto delle parole di oggi di Papa Bergoglioqui il nostro post – pronunciate attraverso il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Greg Burke.

In sintesi, Bergoglio chiede che sia rispettata la volontà dei genitori.

Anche il presidente degli USA, Donal Trump, è intervenuto sulla vicenda con un tweet: “Se possiamo aiutare il piccolo, come i nostri amici in Gran Bretagna e il Papa, saremo felici di farlo“.

Loading...