Ecco come i Comuni ingannano i cittadini con gli autovelox

È scioccante quanto raccontato a Mi Manda Rai Tre da un poliziotto municipale. Il video delle sue incredibili rivelazioni.

È davvero scioccante il servizio di Mi Manda Rai Tre, andato in onda nel marzo scorso, ma che continua a fare molto rumore anche a distanza di quattro mesi.

Sì, perché le affermazioni di un agente della Polizia Municipale di una città non meglio specificata turbano davvero i sogni degli automobilisti di ogni parte d’Italia.

autovelox

In poche parole, l’agente, con il volto coperto, ha spiegato che gli autovelox rappresentano la prima forma di entrata delle multe, sottolineando che esistono delle strategie dei Comuni per fare cassa: “Basta diminuire i limiti di velocità, renderli praticamente impossibili da rispettare“.

Gli autovelox – ha affermato il vigile urbano – possono essere taroccati, basta posizionarli in modo non perfettamente parallelo alla strada. Automaticamente quei 10 – 15 gradi inclinati possono aumentare la velocità“.

Per il poliziotto municipale, infine, gli autovelox sono strumentazioni ‘farlocche’: “Lo Stato non ha mai fatto nessuna verifica sugli autovelox e mai potrà farlo. Non esiste un modello omologato“.

Di conseguenza, “tutte le multe formalmente possono essere contestate“.

Il poliziotto ha fatto tante altre rivelazioni shock sugli autovelox, per cui consigliamo di guardare con attenzione il servizio della giornalista di Mi Manda Rai TreRoberta Ferrari.

Poco meno di tre minuti che cambieranno la vostra percezione degli autovelox:

Autovelox non in regola: le incredibili rivelazioni di un agente di un capo di polizia. Da condividere per informare tutti

Posted by Notizie.it on Tuesday, March 14, 2017

Loading...