Rapina alla gioielleria di Napoli, fermate altre 3 persone

Svolta nelle indagini sulla rapina a mano armata di Frattamaggiore dell’11 febbraio, nel corso della quale un gioielliere ha ucciso un rapinatore.

Svolta nelle indagini sulla rapina a mano armata di Frattamaggiore dell’11 febbraio, nel corso della quale un gioielliere ha ucciso un rapinatore.

Tre persone – di 27, 29 e 41 anni – sono state arrestate. Uno di loro, inoltre, è ferito.

In totale, sono stati cinque i componenti della banda che hanno tentato di rapinare la gioielleria napoletana di corso Durante.

Già noti il criminale ucciso, Raffaele Ottaiano e il 28enne Luigi Lauro, arrestato dalla Polizia in flagranza di reato.

Raffaele Ottaiano, la vittima.

Due dei fermati hanno confessato la rapina al Pubblico Ministero nel corso dell’interrogatorio avvenuto la scorsa notte nella Caserma dei Carabinieri di Caivano.

Per quanto concerne il terzo, nella sua casa sono stati trovati un giubbino e un paio di scarpe usate nel corso della tentata rapina, come si evince da un video.

Il gioielliere che ha ucciso Ottaiano è indagato per omicidio colposo. “Un atto dovuto“, ha fatto sapere la Procura della Repubblica di Napoli Nord.