18enne contagiato due volte dal coronavirus, non ce l’ha fatta

Si chiamava Wilber Portillo

Denver, Stati Uniti d’America. Un diciottenne è morto dopo avere contratto il Covid-19 per la seconda volta. Si chiamava Wilber Portillo.

Andrea Ferrell, la ragazza del giovane, alla stampa locale ha raccontato: «Stava migliorando. Ha trascorso una settimana senza il Covid-19 prima di ammalarsi di nuovo».

Portillo, studente del CEC Early College e rivenditore di articoli sportivi online (My Journey My Success), si è ammalato per la prima volta di Covid-19 dopo un viaggio di lavoro a Los Angeles.

Due mesi dopo essersi ripreso ed essere risultato negativo al virus, Wilber ha avuto la febbre dopo avere partecipato a una festa.

La famiglia, nel sito per raccogliere fondi per il funerale, ha scritto: «A nome della famiglia Wilbers, vogliamo che tu lo ricordi per l’anima felice che era. La sua famiglia e i suoi amici sanno che Wilber aveva una visione positiva della vita».

E ancora: «Se c’è qualcosa che vorremmo che ricordassi di Wilber è, BE THE BEST YOU. Questo era il suo motto, sii il meglio di te, vivi la vita al massimo. Speriamo anche di diffondere la consapevolezza che il Covid-19 debba essere preso sul serio. Non importa quanto tu possa sembrare giovane o sano».

Negli USA sono stati segnalati casi di reinfezione ma restano rari. Invece, quasi 24milioni di persone sono risultate positive al coronavirus dall’inizio della pandemia.

LEGGI ANCHE: Covid-19, Ricciardi: “Invoca il lockdown per 3-4 settimane”