18enne italiana pestata a morte nel Regno Unito

Aperta un’indagine dalla Procura della Repubblica di Roma sulla morte di Mariam Moustafa, 18enne di origine egiziana, nata e cresciuta a Roma, nel quartiere di Ostia.

La ragazza è stata picchiata da una baby – gang di ragazzine inglesi nel centro di Notthingham, città del Regno Unito, all’esterno del centro commerciale Victoria Center, ed è morta dopo tre settimane di coma.

L’ipotesi è omicidio e l’indagine è stata affidata al sostituto procuratore Sergio Colaiocco.

Mariam, studentessa di Ingegneria, si era trasferita, insieme alla famiglia, quattro anni fa.

È stata aggredita il 20 febbraio scorso su un autobus insieme ad un amico che ha provato a proteggerla.

La ragazza, giunta in ospedale, nonostante avesse dichiarato di sentirsi molto male, è stata rimandata a casa.

La mattina dopo, però, è entrata in coma e ci è rimasta fino al momento del decesso.

La morte della ragazza starebbe anche causando un caso diplomatico fra Londra e Il Cairo, “anche perché l’unica persona fermata per l’aggressione mortale è già stata rilasciata su cauzione“, ha riportato Il Tempo.

Pubblicato anche un video del pestaggio subito dalla ragazza sul sito della BBC.