20enne starnutisce e ritrova l’anello perso 12 anni prima

anello

Una ragazza britannica di 20 anni, dopo avere starnutito, si è accorta della presenza di qualcosa di luccicante nel moccio.

Abigail Thompson ha così scoperto che un anello, un regalo per il suo ottavo compleanno, per tutto quel tempo si è trovato all’interno del suo naso.

La 20enne ha raccontato che sapeva che quell’anello fosse scomparso pochi mesi dopo averlo ricevuto come dono ma pensava di averlo semplicemente smarrito.

Abigal ha detto: “Non avrei mai potuto immaginare che si era bloccato nel mio naso. Ho sempre pensato che, magari, un mio amico me lo avesse rubato. Non c’era altra spiegazione su dove sarebbe potuto andare“.

Abigail, di Keighley, West Yorks, ha affermato di essere rimasta scioccata quando ha visto l’anello d’argento volare via dal suo naso dopo uno starnuto particolarmente forte.

La ragazza ha detto: “Era un giorno normale. Ero seduta sul mio divano e ho cominciato a starnutire. Poi ho guardato nel fazzoletto e ho pensato: ‘Che diavolo è?‘”.

Abigail Thompson

Ho avvertito una sensazione acuta ma non ci ho pensato fino a quando non ho guardato nel fazzoletto. Poi ho detto: ‘Oh mio Dio, questo è l’anello!’“.

Mia madre – ha aggiunto Abigail – era sconvolta quando l’ho chiamata subito per dirle cosa fosse successo. Le ho detto ‘Non indovinerai mai…’. E lei mi ha risposto: ‘Oh mio Dio, mai‘”.

Non ho mai avuto la certezza che fosse dentro al naso – ha continuato la ragazza – Non l’ho mai sentito. Non ho avuto problemi a respirare crescendo, nulla è cambiato da quando è uscito“.

Essendo stato nascosto per più di un decennio, l’anello è ancora in condizioni decenti.

Abigail ha detto: “È molto arrugginito ma il diamante è ancora dentro“.

Il dott. Naveen Cavale, consulente chirurgo plastico presso la Real Plastic Surgery, ha affermato che incidenti come questo sono abbastanza comuni: “Non mi sorprende, è una storia insolita ma i bambini usano spesso le perline e giocattoli piccoli. È possibile che si fosse solo incuneato e, una volta che la ragazza è cresciuta, lo spazio in cui si era incastrato è diventato più grande e così è stato in grado di uscire“.