21enne incinta muore folgorata dal suo telefonino

Probabilmente ad ucciderla è stato il suo smartphone. È questa la più probabile conclusione alla quale arriveranno gli investigatori per spiegare la morte di una 21enne incinta.

Il dramma è avvenuto la sera di San Silvestro in Francia a Saint-Martin-d’Hères vicino a Grenoble.

La vittima era una ragazza giovanissima che avrebbe festeggiato il nuovo anno con l’arrivo di un bebè: era all’ottavo mese di gravidanza.

Quella sera il marito si era allontanato di casa per alcune commissioni, mentre lei nell’attesa del suo rientro aveva deciso di fare un bel bagno caldo rilassante.

Ad accorgersi che qualcosa non andava è stato lo stesso uomo che, una volta uscito, ha provato a chiamare la moglie più volte senza però ricevere risposta. Il marito preoccupato è, quindi, subito ritornato a casa. Non ricevendo risposta neppure dopo aver suonato ripetutamente il campanello, ha sfondato la porta (non aveva con sé le chiavi).

Dopo aver cercato la consorte per tutto l’appartamento, l’ha finalmente trovata riversa nella vasca da bagno e priva di vita. Accanto a lei il suo smartphone collegato al cavo di alimentazione della batteria. Inutili i tentativi di rianimarla.

Da una prima ricostruzione, che per gli investigatori dovrebbe essere quella definitiva salvo colpi di scena, la donna è morta per un arresto cardiaco provocato da una scossa elettrica generata quasi sicuramente da un corto circuito del suo telefonino.