4 cose che forse non sai dell’iceberg che ha affondato il Titanic

In pochi sanno qualcosa sul ‘responsabile’ materiale del naufragio del Titanic: l’iceberg.

Tutti conosciamo la storia del Titanic, il transatlantico affondato il 14 aprile 1912 e, a distanza di oltre 100 anni da quel dramma, anche grazie allo splendido film di James Cameron del 1997, spesso ci facciamo le stesse domande: perché c’erano così poche scialuppe di salvataggio a bordo? perché la scelta di viaggiare ad alta velocità?

In pochi, però, sanno qualcosa sul ‘responsabile’ materiale del naufragio: l’iceberg.

Quanto fu grande?

Come riportato da Fabiosa.com, l’iceberg non era così grosso come in molti s’immaginano. Il suo punto più alto raggiungeva a malapena i ponti superiori del Titanic. La sua altezza, infatti, era di 105 metri e la maggior parte di esso si trovava al di sotto della superficie dell’oceano.

Da dove proveniva?

L’iceberg di 420.000 tonnellate si staccò da un ghiacciaio a Melville Bay, in Groenlandia, il 24 giugno 1910, perdendo molto della sua massa durante il viaggio.

Come arrivò nel luogo del disastro?

Il destino di un iceberg è di galleggiare nell’acqua. Così, lentamente e costantemente, anche quell’iceberg si spostò verso il luogo dell’incontro terrificante con il Titanic. Dopo 2 anni, il 14 aprile 1912, raggiunse il luogo della collisione. Il 16 aprile – due giorni dopo – un maggiordomo della nave da crociera corazzata SMS Prinz Adalbert riuscì a scattare una foto dell’iceberg che avrebbe causato l’affondamento del Titanic.

Dove andò dopo?

Il viaggio dell’iceberg non si fermò dopo la collisione con il Titanic e raggiunse la Russia sei mesi dopo dove fu lavato a riva e sciolto nell’estate del 1913.

Leggi anche: Notre-Dame, la curiosa coincidenza delle 16 statue rimosse prima dell’incendio.

Seguici anche su News Republic. Scarica l’APP, è gratis: