4 Ristoranti di Alessandro Borghese in Sicilia alla scoperta dello street food

La puntata in onda domani del programma del noto chef ci farà conoscere le prelibatezze siciliane.

Nuova puntata per ‘4 Ristoranti’, il cooking-talent itinerante dello chef Alessandro Borghese. Domani, martedì 22 ottobre, le telecamere di Sky saranno in Sicilia e precisamente a Palermo.

Fil rouge della puntata, lo street food. Borghese, infatti, tra chioschi, mercati e carretti ambulanti andrà alla ricerca dei migliori piatti della tradizione siciliana.

A contendersi il titolo, invece, saranno ‘Friggitoria da Davide’ di Davide Troi’a, ‘Da Mimì’ di Giuseppe Lo Iacono, ‘Dainotti’s Apericapo’ di Arianna Dainotti e ‘Roxy Street Food 1987’ di Noel Casisa.

Anche quella di domani, dunque, si preannuncia come una puntata da pienone. La trasmissione, infatti, ogni volta riesce ad incollare davanti alla tv tantissimi spettatori. Merito del format accattivante. Ognuno dei quattro ristoranti in gara organizza una cena alla quale partecipano gli altri tre sfidanti che devono dare un voto (da 0 a 10) a location, menu, servizio e conto del ristorante che li ospita. Nella valutazione finale è inserito anche il personale di sala che viene valutato in merito ad accoglienza, servizio al tavolo, descrizione dei piatti e dei vini.

Non solo. Prima della cena lo stesso Borghese ispeziona la cucina e alla fine di puntata assegna i suoi 5 punti i quali, spesso, vanno a ribaltare completamente l’esito della votazione degli altri tre ristoratori.

Il ristorante vincitore porta a casa un premio di 5000 euro da investire per il miglioramento del locale, mentre tutti i locali che partecipano alla sfida sono identificabili grazie ad una sorta di bollino ‘4 Ristoranti’ che è un vero e proprio marchio di qualità dal momento che sta ad indicare che quell’esercizio è passato sotto la lente d’ingrandimento di chi se ne intende, ovvero i ristoratori stessi.

Leggi anche: Da Mc Donald’s bastoncini di cetriolo al posto della patatine fritte.

Da SaluteLab: Cioccolato per i diabetici? Si può ma con l’olio extravergine d’oliva.