Cronaca Social

Acido folico, cosa può succedere al tuo corpo se non ne assumi abbastanza!

Perché è importante l’acido folico? Partiamo dal vedere cosa è e dove si trova. Si tratta di una vitamina, indicata con la sigla “B9”, importantissima per l’organismo perché è direttamente implicata nella produzione di nuove cellule. Fa parte del gruppo delle vitamine idrosolubili, non accumulabili, quindi deve essere introdotta regolarmente nell’organismo con l’alimentazione.

L’acido folico si trova soprattutto nella verdura a foglia verde (lattuga, broccoli, spinaci, asparagi), nel fegato, nei legumi, nel latte, in alcuni cereali e in alcuni frutti come arance, limoni, fragole e kiwi e nella frutta secca (noci, mandorle).

A cosa serve? È essenziale per la sintesi del Dna e delle proteine, oltre che per la formazione dell’emoglobina. Elemento fondamentale per i tessuti che vanno incontro a processi di proliferazione e differenziazione, come per esempio i tessuti embrionali.

Questa vitamina previene alcune malformazioni congenite, come quelle del tubo neurale. Per questa ragione è importantissima per le donne in gravidanza. La vitamina abbassa il rischio di malattie cardiovascolari e infarti.

La carenza della vitamina può essere conseguenza di una prolungata dieta scorretta, da un maggiore fabbisogno richiesto, come per le donne in gravidanza, oppure da un cattivo assorbimento. Anche alcuni farmaci possono portare ad avere carenza di acido folico, ma anche da un elevato consumo di alcol, dal diabete e dalla celiachia.

I segnali più comuni della carenza: anemia; debolezza; stanchezza; difficoltà di concentrazione; mal di testa; pallore; perdita di peso; inappetenza e persino depressione.

Cosa succede se abbiamo poco acido folico? La prima conseguenza è una ridotta produzione di globuli rossi nel sangue, con conseguente insorgenza di anemia. Più grave quando la donna aspetta un bambino. Possono esserci effetti negativi sullo sviluppo del feto. Il corretto livello di acido folico nelle primissime settimane di gravidanza è quello determinante secondo diversi studi. Chi desidera concepire un figlio, dovrebbe prepararsi da questo punto di vista.