7 modi per riutilizzare l’acqua di cottura

L’acqua di cottura della pasta è un un ottimo rimedio naturale da usare in cucina su più fronti.

In un’epoca in cui si parla di sostenibilità forse pochi sanno che anche l’acqua di cottura della pasta può essere “riciclata” e riutilizzata in casa anche perché è ricca di amido e sali minerali Ecco cosa si può fare in cucina e non solo.

Mettere a bagno i legumi che hanno bisogno di passare del tempo in ammollo.

Prelavare piatti e stoviglie: l’acqua di cottura ancora bollente è un ottimo sgrassatore.

Allungare le salse. Grazie agli amidi e ai Sali minerali contenuti nell’acqua di cottura i sughi saranno più ricchi.

Bollire le verdure. E’ sufficiente riportare ad ebollizione l’acqua. Attenzione al sale: se l’avete già messo durante la cottura della pasta, evitate di aggiungerlo alle verdure.

Innaffiare fiori e piante. Accertatevi, però che si sia raffreddata e che non sia salata: il cloruro di sodio potrebbe causare l’avvizzimento delle foglie.

 

Fare un pediluvio: è sufficiente aggiungere soltanto alcune gocce di olio essenziale alla lavanda e avrete una vera e propria terapia rigenerante per i piedi.

Lavare il viso. Gli amidi cotti (soprattutto quelli del riso) sono un ottimo rimedio naturale per la pelle grassa.

Leggi anche: le regole di una pizza che non pesi sullo stomaco.

Seguici anche su News Republic. Scarica l’APP, è gratis: