Addio a Biscuits & Gravy: il gattino con due teste non ce l’ha fatta (VIDEO)

Il micio è morto dopo quattro giorni dalla nascita.

Biscuits & Gravy

Biscuits & Gravy era un gattino bifronte originario dell’Oregon, Stati Uniti. Nonostante gli sforzi dei veterinari e di chi gli voleva bene, il piccolo purtroppo è morto dopo soli quattro giorni. Il felino era affetto da una rara malformazione genetica che lo ha fatto nascere con due teste collegate fra loro. Faceva parte di una cucciolata di sei gattini nati ad Albany.

Kyla e la sua famiglia raccontano quanto sia stato difficile fare in modo che Biscuits & Gravy mangiasse. Aveva problemi di malnutrizione e difficoltà a gestire il peso della testa, eccessivamente grande rispetto al resto del corpo. La morte dello sfortunato micetto è sopraggiunta quindi per cause naturali.

Sui social, dove la sua famiglia bipede ha documentato i pochi giorni passati in sua compagnia, si legge: «Questa foto è stata scattata circa un’ora prima della morte di Biscuits. Kyla ha rinunciato a tre giorni e mezzo della sua vita nel tentativo di salvarlo».

LEGGI ANCHE: L’asino riconosce il padrone dopo due mesi di lockdown: l’uomo si commuove (VIDEO)

E ancora: «Ringraziamo tutti voi che siete stati così gentili, avete pregato e desiderato il meglio per il nostro piccolo. Molti di voi si sono preoccupati per le sue sorti e hanno voluto seguire i suoi progressi. Abbiamo ricevuto messaggi molto carini. Non dimenticheremo mai la vostra gentilezza».

I gatti come il cucciolo dell’Oregon vengono chiamati Janus. Il più delle volte le loro aspettative di vita sono molto basse. La ragione è dovuta a una serie di complicazioni correlata alla loro rara condizione.

Abbiamo testimonianza, però, di un’eccezione a questa triste regola. Frank e Louie ha vissuto per ben 15 anni ed è morto nel 2014, circondato dall’affetto della propria famiglia. Il protagonista di questa triste storia non è stato altrettanto fortunato, ma almeno ha potuto conoscere il significato delle parole amore e dedizione. I suoi proprietari infatti hanno lottato con tutte le loro forze per dare possibilità al gattino.

LEGGI ANCHE: Quanto sale dovremmo consumare ogni giorno?