Addio a Marco Occhetti, Kim dei Cugini di Campagna

Aveva 62 anni

Addio a Marco Occhetti, in arte Kim, ex voce dei Cugini di Campagna. Si è spento a 62 anni venerdì scorso, 22 aprile, come fatto sapere dalla figlia Giulia, per arresto cardiaco e i funerali si sono svolti ieri, lunedì 25 aprile, a Fiano Romano presso la Chiesa di Santo Stefano Protomartire.

Nato a Roma il 24 dicembre 1959, Occhetti era stato la voce del gruppo dal 1986 al 1994, dopo aver preso il posto del cantante Paul Manners. Con la sua voce in falsetto, caratteristica della band, aveva portato i successi del quartetto, a partire da Anima Mia, in giro per il mondo, in numerose tournée. “Ringrazio tutti per i messaggi che gli avete scritto – si legge in un post della figlia su Facebook -. Papà era un casinaro e gli sarebbe piaciuto avere tanta gente intorno a ricordarlo”.

Nel 1994 fu lui a decidere di lasciare il gruppo per dedicarsi alla carriera solista. In un’intervista al Messaggero del 2017 spiegò che non era più in sintonia con il gruppo, perché chiedeva un rinnovamento, come avevano fatto ad esempio i Pooh. Non è, però, più riuscito ad imporsi al grande pubblico.

LEGGI ANCHE: Fedez dopo l’operazione: “Ho perso 10 chilogrammi”

Spesso lo si poteva incontrare a Piazza Navona o al Pantheon, ma i passanti raramente lo riconoscevano anche perché aveva cambiato il suo look. Aveva abbondonato gli abiti sgargianti degli anni d’oro, accompagnandosi solo con la sua chitarra.

Non nascondeva le difficoltà economiche. “Sono stato la voce solista dei Cugini di Campagna, ma adesso mi ritrovo a suonare nelle piazze di Roma, praticamente dalle stelle alle stalle, che preferisco, perché è più ero. Ma è stata dura”, spiegò in quell’intervista attaccando anche gli ex compagni della band: “Non mi hanno versato i contributi, si sono inventati mille sotterfugi. Sono tutti tirati con i soldi, ma a livelli estremi. Ed è finita male”.

LEGGI ANCHE: Addio a Catherine Spaak, la sorella: “La sua stella brillerà sempre”