Addio al giornalista Giulietto Chiesa, il ricordo di Vauro sui social

Giulietto Chiesa aveva 79 anni.

Addio a Giulietto Chiesa, giornalista e politico italiano. Ne dà notizia Vauro sulla sua pagina Facebook.

Il vignettista, scomparso all’età di 79 anni, ha scritto: «Non riesco ancora a salutarlo. Ricordo ancora i suoi occhi lucidi di lacrime a Kabul, davanti ad un bambino ferito dallo scoppio di una mina. È morto un uomo ancora capace di piangere per l’orrore della guerra. I suoi occhi sono un po’ anche i miei».

Giulietto Chiesa, che con Vauro ha spesso collaborato, era nato il 4 settembre 1940 ad Acqui Terme. Dirigente della Federazione giovanile Comunista italiana, corrispondente da Mosca per l’Unità e La Stampa, ha scritto molti libri sull’Unione Sovietica, la guerra e la globalizzazione. Nel 2003 è stato eletto al Parlamento Europeo. Ha collaborato anche per il Tg5, Tg1 e Tg3.

Laura Castelli, vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, ha ricordato così il giornalista: «Ci siamo confrontati spesso in questi anni, anche se diversi su tante cose, era bello ascoltare il suo pensiero, costruito in anni diversi dai miei. Sono vicina alla famiglia. Ci mancherà».

Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia, vicepresidente della Camera dei Deputati, ha dichiarato: «L’improvvisa morte del giornalista Giulietto Chiesa ci addolora. Era un intellettuale di una vivacità sorprendente, capace di creare legami culturali e politici anche tra persone di orientamenti opposti. Aveva organizzato attorno a Pandora Tv, incontri, eventi, presentazione di libri, dibattiti di controinformazione indipendente  sempre interessanti. Avevo dato la disponibilità a presentare alla Camera il suo movimento per la ricostruzione dell’Italia sul quale tanti studiosi stavano lavorando. A loro e alla sua famiglia, le condoglianze mie e di tutti coloro che da destra hanno sempre rispettato un avversario politico di valore specialmente se capace di anteporre alle proprie convinzioni il bene comune».

LEGGI ANCHE: Conte e il piano del 4 maggio: “Non sarà un liberi tutti”