Al Bano a ‘CartaBianca’ spara a zero sui giornalisti

Ora tocca (di nuovo) ad Al Bano. Ospite di Bianca Berlinguer a ‘CartaBianca’, il cantante di Cellino San Marco spara a zero sui media e sul loro modo di trattare la sua vita privata.

Mi hanno detto – ha affermato – che è andata via, ma dove è andata? Sto leggendo la mia vita sui giornali ma non sono io a farla. Lei è a Pavia? Quando mi parlano degli affari privati mi chiudo a riccio come i porcospini, perché mettere in piazza tutto? Io non voglio farlo. Per me è assurdo vivere schiavi del gossip che mistifica la verità, forse lo fanno per distogliere l’opinione pubblica da fatti più gravi o per fare soldi: ma perché non si tassano i direttori di giornali quando usano la nostra faccia? Tassatevi e date la cifra in beneficenza, se non altro questo gossip servirà a far vivere meglio altra gente. Ti spremono, speculano, ma non danno altro che fastidi. Comunque da loro ho saputo che Loredana sta a Pavia”.

La chiacchierata con la Berlinguer è anche l’occasione per parlare di uno dei momenti più dolorosi della sua vita: la comparsa della figlia Ylenia.
Io e Romina – ha confessato – abbiamo condiviso il momento più duro. Siamo molto diversi: lei crede ancora che Ylenia sia da qualche parte”.

Lo ricordiamo, fu proprio Al Bano nel gennaio del 2013 a presentare al Tribunale di Brindisi la richiesta di dichiarazione di morte presunta della figlia che era scomparsa a New Orleans il 6 gennaio del 1994. La morte presunta di Ylenia è stata dichiarata in data 31 dicembre 1993 (giorno dell’ultima telefonata della ragazza ai genitori).