Albano Carrisi non apre il suo ristorante a Cellino San Marco

La voce di Cellino San Marco sta vivendo un momento di forte difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria.

Albano Carrisi non è solo uno dei cantanti italiani più celebri, ma anche un imprenditore. Nella sua terra natale, la Puglia, produce infatti vino e ha un ristorante. A seguito della chiusura per via dell’emergenza Coronavirus, l’artista ha deciso di non riaprire il locale appena citato, che si trova a Cellino San Marco.

LEGGI ANCHE: Loredana Lecciso: età, matrimonio, carriera, figli

La dichiarazione di Carrisi

Albano Carrisi è il titolare del ristorante Don Carmelo, che si trova presso le celebri tenute di Cellino San Marco. Il locale in questione, che sul sito ufficiale viene descritto come un progetto nato “dall’amore per la cultura enogastronomica mediterranea”, per ora rimarrà chiuso.

A dare informazioni in merito ci ha pensato il cantante stesso, che ha rilasciato una dichiarazione al settimanale Oggi. “Io me ne chiamo fuori sino a quando non saremo del tutto usciti dal tunnel. Per l’estate riaprirà ma sotto forma di cooperativa gestita totalmente dai miei dipendenti, che sono tanti, con una famiglia da mantenere e desiderosi di lavorare. Finché non si troverà un vaccino non mi fido. Per niente”: queste le parole di Carrisi che, intervistato da Diva e Donna alla fine del mese di maggio, ha parlato a cuore aperto della sua situazione economica attuale.

Al Bano
Al Bano

L’ex marito di Romina Power ha affermato di avere solo uscite e nessuna entrata e di riuscire ad andare avanti solo un anno in queste condizioni. Parlando del settore che lo ha reso famoso, ossia la musica leggera, ha utilizzato la definizione “Cenerentola dello spettacolo”, sottolineando che, a suo avviso, trovano contributi per tutti ma non per chi fa questo lavoro.

Carrisi ha altresì specificato che sono numerose le persone del suo staff senza reddito, circa 50 famiglie in difficoltà. Ha anche fatto presente che l’albergo e il ristorante di Cellino sono chiusi e di guardare con preoccupazione alla vendemmia di settembre.

LEGGI ANCHE: Al Bano: “Ecco come è morta mia figlia Ylenia”