Alessandra Mussolini: “A Ostia ci vorrebbe il Duce”

Alessandra Mussolini ha le idee molto chiare. Lei ha la soluzione alla guerra fra clan che si è risvegliata ad Ostia.

L’ha condivisa con i radioascoltatori di Radio Cusano Campus, “un ascoltatore vi ha scritto che servirebbe mio nonno per riportare l’ordine? Sì, magari due o tre mesi. Due o tre mesi di mio nonno a Ostia e si risolve tutto, sì. Quando già tu vedi le forze dell’ordine che vanno in giro la gente è più tranquilla”.

Per l’europarlamentare ci vorrebbe la forza. Magari proprio quella del nonno, il Duce.

Ad Ostia – ha evidenziato – bisogna continuare con i presidi delle forze dell’ordine. Si sta scatenando l’inferno. I cittadini hanno votato la candidata dei cinque stelle. Ora lei assieme allo Stato dovrà far vedere cosa sa fare e dar seguito alle promesse fatto in campagna elettorale”.

 

Perché ad Ostia la situazione sta sfuggendo di mano. Secondo gli inquirenti della Direzione distrettuale antimafia di Roma sarebbe in atto una lotta fra clan per il controllo del business criminale nella cittadina.

Tutto sarebbe cominciato con l’arresto di Roberto Spada per l’aggressione con metodo mafioso ai danni del giornalista e dell’operatore della trasmissione ‘Nemo’. Le ipotesi più accreditate parlano di ‘rivali’ che vorrebbero approfittare del momento per prendere il controllo su Ostia.

Intanto a breve è previsto l’aumento del numero di forze dell’ordine.