Alfonso Bonafede e l’aereo di Stato per 200 chilometri e 10 mila euro: è polemica

Continua a essere nel mirino della stampa e degli oppositori politici il ministro della Giustizia.

Alfonso Bonafede, che ha appena affrontato e superato due mozioni di sfiducia, è di nuovo sotto le luci dei riflettori per l’uso di un aereo di Stato. Gli vengono infatti contestati 200 chilometri per una spesa di 10 mila euro. Il percorso fatto da un Falcon lo scorso 27 febbraio da Napoli a Roma per motivi di «sicurezza».

La polemica ha inizio dopo un articolo de Il Tempo, che ha ricordato come in passato il ministro Alfonso Bonafede si sia battuto contro gli sprechi della politica. Gli viene contestato di aver usufruito di un volo blu invece della macchina, che sarebbe stata certamente più economica.

LEGGI ANCHE: Open Arms, Italia Viva evita il processo a Matteo Salvini

Non tarda ad arrivare la replica del suo ufficio stampa, dopo l’ennesimo attacco mediatico: «È stato necessario ricorrerci perché era in corso alla Camera la votazione finale della conversione in legge del decreto sulle intercettazioni promosso proprio dal ministro».

Bonafede, infatti, in quella giornata aveva partecipato al vertice Italia-Francia per poi presenziare in aula prima del voto finale, quello definitivo, sul suo provvedimento (previsto da programma per le 20). La giustificazione, però, non è bastata e le polemiche non si fermano. Gli viene infatti contestato di aver ‘bucato’ sia il primo che il secondo evento.

Al vertice con la Francia a Napoli, si è perso lo scambio dei documenti protocollari e l’illustrazione dell’intesa che è stata oggetto di una conferenza stampa congiunta Conte-Macron alle 19. In aula per la votazione del decreto sulle intercettazioni, invece, non è arrivato in tempo per prendere la parola e dare il proprio giudizio finale, così come aveva chiesto. Alfonso Bonafede l’aereo di Stato quindi lo avrebbe preso immotivatamente.

Si tratta di appunti giustificati arrivati con qualche settimana di ritardo, che sarebbero stati fatti a chiunque per vigilare sul corretto utilizzo dei soldi pubblici, o è una particolare attenzione ad personam che negli ultimi tempi vede il ministro sempre più spesso sotto accusa? La politica e l’opinione pubblica si dividono.

LEGGI ANCHE: Sigarette al mentolo: perché sono pericolose?