Allerta in Corea del Nord, preoccupante “nuvola gialla” proveniente dalla Cina

Kim Jong-un ha chiesto ai nordcoreani di restare in casa.

La Corea del Nord ha avvertito la sua popolazione di una nuvola di «polvere gialla» stagionale proveniente dalla Cina, che potrebbe essere la fonte di nuove problemi di salute nel Paese guidato dal dittatore Kim Jong-un.

In tempi normali, questo fenomeno ricorrente e stagionale, noto come «tempesta di sabbia asiatica» è già una vera piaga. Le nuvole di polvere sono costituite da sabbia e particelle tossiche che si muovono nel vento, a volte per diverse migliaia di chilometri, e sono state spesso causa di gravi problemi di salute pubblica nelle due Coree.

Quest’anno, però, si aggiunge il timore che la polvere gialla sia anche portatrice del Covid-19. Di conseguenza Kim Jong-un la scorsa settimana ha ordinato ai nordcoreani di restare a casa al fine di evitare la diffusione del nuovo coronavirus.

Kim-Jong-Un
Kim Jong-un, dittatore nordcoreano

LEGGI ANCHE: Il vaccino anti Covid-19 ci farà tornare alla normalità?

La televisione centrale nordcoreana (KCTV) ha trasmesso bollettini di allerta meteorologica sottolineando in particolare la necessità di evitare attività all’aperto e di indossare sempre una mascherina protettiva. Tutti i lavori di costruzione edilizia sono stati sospesi a livello nazionale. La BBC ha parlato di strade vuote nella capitale Pyongyang.

La Corea del Nord ha riferito per mesi di non essere stata colpita dall’epidemia di Covid-19 che sta imperversando in tutto il mondo. Ma il Paese è in stato di massima allerta da gennaio, con rigide chiusure delle frontiere e restrizioni di viaggio.

Infine, bisogna sottolineare che, al momento, non esiste alcun legame noto tra le nubi di polvere stagionali e la trasmissione del nuovo coronavirus.

LEGGI ANCHE: Cosa contiene il DL Ristori.