TerzoWEB.com

Altri casi di epatite correlati a integratori alimentari, l’allarme del Ministero della Salute

Sono saliti a nove i casi di epatite segnalati dall’Istituto Superiore di Sanità.

Il Ministero della Salute ha diffuso il richiamo di altri integratori a base di curcuma, dopo che l’Istituto Superiore di Sanità ha segnalato altri sette casi di epatite, che salgono quindi a nove.

Questa volta sono interessati i prodotti:

  • Curcuma complex B.A.I. aromatici per conto di Vitamin shop;
  • Tumercur Sanandrea;
  • MOVART Scharper SpA stabilimento a Nichelino;
  • Curcuma Meriva 95% 520mg Piperina 5 mg Farmacia dr. Ragazzi, Malcontenta;
  • Curcuma “Buoni di natura” Colfiorito.

Questi prodotti si aggiungono ai prodotti già segnalati il 10 e il 16 maggio scorsi:

  • Curcumina Plus 95%, lotto 18L823 NI.VA prodotto da Frama;
  • Curcumina 95% Kline lotto 18M861 NI.VA prodotto da Frama;
  • Curcumina Plus 95% piperina linea@ lotto 2077-LOT 198914 NI.VA prodotto da Frama;
  • Curcumina Plus 95% piperina linea@ 18e590 NI.VA prodotto da Frama.

I consumatori – evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti – sono invitati a titolo precauzionale a sospendere temporaneamente il consumo di tali prodotti. Sono in corso le verifiche per individuare la causa responsabile dei casi di epatite. L’aggiornamento di richiamo degli integratori è stato pubblicato sul nuovo portale dedicato alle allerte alimentari del Ministero della salute“.

Leggi anche: l’infarto si può prevedere, ecco come ridurre i rischi.