Alyssa Milano mostra le conseguenze del Covid-19: la testimonianza in un video

L’attrice in un video mostra che tra gli effetti della malattia c’è anche la caduta dei capelli. E invita alla prudenza.

Alyssa Milano
Dal profilo Instagram di Alyssa Milano

L’atteggiamento portato avanti in alcuni casi a proposito delle misure di prevenzione nei confronti del Covid scatena polemiche e induce le istituzioni a non escludere nuove misure restrittive che potrebbero limitare e di molto gli spostamenti delle persone. A denunciarlo è Alyssa Milano. L’ombra di un secondo lockdown, infatti, rischia di non sortire gli effetti sperati. Questo succede non solo in Italia ma, in generale, in ogni parte del mondo.

Le testimonianze delle conseguenze del Coronavirus non mancano. In un video, infatti, l’attrice mostra gli effetti su di sé. Famosa per le sue interpretazioni – tra le altre – in Streghe e Castle, ha pubblicato un filmato in cui spiega che tra gli effetti indesiderati c’è anche la caduta dei capelli: «La mia spazzola è pulita», inizia così il filmato. Ma la situazione muta nel giro di poco.

Colpo dopo colpo, la spazzola comincia a raccogliere una grande quantità di capelli. E conclude con un laconico: «Mettetevi la mascherina». Un consiglio espresso in maniera risoluta. E d’altronde alcuni studi, che ancora devono comunque ottenere il riconoscimento della comunità scientifica, confermano che la caduta dei capelli può essere tra le conseguenze del virus.

Coronavirus, in Grecia è cominciata la seconda ondata di contagi

LEGGI ANCHE: Coronavirus, in Grecia è cominciata la seconda ondata di contagi

Alyssa Milano mostra le conseguenze del Covid e lo fa dopo aver già in passato pubblicato altre testimonianze. In un post di alcune settimane fa raccontava la sua esperienza nell’evoluzione della malattia: «Non ero mai stata così malata. Mi faceva male tutto. Non sentivo gli odori. Mi sentivo come se un elefante fosse seduto sul mio petto. Non riuscivo a respirare. Non riuscivo a trattenere il cibo dentro di me. Ho perso quattro chili in due settimane. Ero confusa».

Quindi, una risposta risoluta a chi parla di malattia immaginaria: «Il Covid non è una bufala, pensavo di morire. Donerò il mio plasma con la speranza di poter salvare una vita. Per favore, abbiate cura di voi stessi. Lavate le mani, indossate una mascherina e tenete la distanza sociale. Non voglio che nessuno si senta come mi sono sentita io».

LEGGI ANCHE: Vaccino anti Covid-19, le precisazioni del dott. Galli.