Amendola: “Quando Renzi mi chiamò al telefono e mi rimproverò”

L’aneddoto dell’attore romano raccontato a L’aria che tira su La7.

Claudio Amendola, ospite della trasmissione L’aria che tira su La7, ha raccontato un aneddoto che lo riguarda insieme all’attuale leader di Italia Viva, Matteo Renzi.

L’attore romano ha raccontato: «L’ultima volta che dissi una cosa mi chiamò alle 9 di mattina e mi rimproverò».

LEGGI ANCHE: Covid-19, il contagio può avvenire tramite le lacrime dei bambini?

Il motivo: «Avevo detto che aveva abbandonato Roma durante le elezioni che poi hanno eletto Virginia Raggi. E la mattina alla 9:15 mi squilla il telefono con numero anonimo e mi dicono ‘le passo Renzi’. Io pensavo fosse uno scherzo e ho attaccato. Quando mi hanno richiamato ho capito che era vero».

L’attore 57enne ha poi aggiunto: «Mi ha rimproverato perché non era vero che il Pd aveva abbandonato Roma….Infatti si è visto», ha ironizzato Amendola. «Però ha ragione, su Roma potevamo fare di più», ha replicato il senatore toscano.

LEGGI ANCHE: Pippo Baudo su Giuseppe Conte: “Furbissimo avvocato di provincia”