“Ammazzerò chi non accetterà che Gesù fosse di colore”: panico a bordo di un volo diretto a Chicago

Il potenziale attentatore, disarmato, è poi stato sopraffatto dagli altri passeggeri: per fortuna, nessun ferito. Solo tanta paura.

aereo di linea
Immagine Pxhere

«Chi non accetterà che Gesù fosse di colore, verrà ammazzato»: questo l’assurdo ragionamento di un passeggero, con pericolose ambizioni da attentantore, di un volo dell’Alaska Airlines diretto a Chicago. All’inquietante considerazione si è andato a sommare un modo di fare violento che ha messo in allarme le persone a bordo dell’aereo.

«Ucciderò tutte le persone che non accetteranno che Gesù fosse di colore»: una frase ripetuta come un mantra, un pensiero ossessivo che ha causato momenti di vero e proprio sconforto misto a panico all’interno del velivolo che, nel frattempo, attraversava i cieli degli Stati Uniti.

Ma come si sono svolti i fatti? Sembra un volo tranquillo, eppure qualcosa già durante l’imbarco dei passeggeri non sembra andare per il meglio. Un funzionario dell’Alaska Airlines, infatti, ha fatto riferimento ad alcuni atteggiamenti particolari da parte del potenziale attentatore prima di salire sull’aereo.

aereo in volo
Immagine Pxhere

LEGGI ANCHE: Fastidioso mal di gola? No, un verme vivo a spasso per le tonsille

Stando a queste dichiarazioni, infatti, l’uomo ha sin da subito manifestato alcuni atteggiamenti belligeranti, rivelandosi fisicamente aggressivo durante la salita. Un anticipo di quanto sarebbe poi successo durante il volo di linea.Poco dopo il decollo, il potenziale attentatore ‘entra in scena’ e, dopo essersi fatto spazio in cabina, informa i compagni di viaggio sulle sue intenzioni.

Per fortuna era disarmato, motivo che ha indotto gli altri passeggeri a una controreazione: l’uomo viene sopraffatto, anche grazie all’intervento di un ufficiale di polizia presente a bordo e la situazione rientra nel giro di pochi minuti.

L’aereo dell’Alaska Airlines, programmato per atterrare a Chicago, per motivi di sicurezza è stato dirottato verso l’aeroporto internazionale di Seattle-Tacoma. Il volo è atterrato senza ulteriori fuori programma.

Nessun passeggero presente a bordo né alcun membro dell’equipaggio dell’Alaska Airlines è rimasto ferito. I momenti di tensione e la paura crescente hanno lasciato spazio alla sensazione di aver scampato il pericolo. Una storia che, per fortuna, ha avuto un lieto fine.