Amministratore di Autostrade fa crollare il modello del ponte di Renzo Piano

Foto: ANSA/LUCA ZENNARO

Ieri, a Genova, è stato presentato il progetto dell’architetto e senatore a vita Renzo Piano del nuovo viadotto che andrà a sostituire quello Morandi crollato il 14 agosto scorso, causando la morte di 43 persone.

Durante la presentazione c’è stato un piccolo incidente ma che ha fatto il giro d’Italia: l’Amministratore Delegato di ASPI, Giovanni Castelucci, ha preso in mano una parte del plastico e l’ha fatto cadere, frantumandolo in tanti pezzi.

L’architetto Piano, assistendo alla scena, ha allargato le braccia, ha sorriso e ha detto: “Porta Fortuna“.

L’incidente è comunque avvenuto anche a causa della ressa di persone che si sono accalcate attorno all’amministratore delegato di Autostrade per l’Italia (indagato nell’inchiesta per il crollo del ponte Morandi).

IL VIDEO:

Al di là dell’incidente, Renzo Piano ha detto che il nuovo piano “dovrà durare mille anni e non è una battuta […] deve essere d’acciaio, perché l’acciaio regge“, sottolineando, a proposito di quanto accaduto il 14 agosto, “un ponte non deve crollare, non è possibile che accada. C’è il cordoglio, che è molto più profondo dell’elaborazione di un lutto e diventa qualcosa di più, un’essenza della città e per questo il ponte deve avere una magia, quella di durare mille anni. Una magia fatta di qualità, di eccellenza, di cose ben fatte“.