Amore non corrisposto: perché siamo attratti da chi ci rifiuta?

Basta un po’ di gentilezza per innescare la fantasia che sia l’amore della propria vita?

cuore spezzato
amore non corrisposto

L’amore non corrisposto è molto più comune di quanto si immagini. Spesso e volentieri siamo attratti da chi ci rifiuta. Infatti, dopo un breve periodo iniziale di gentilezza e cordialità, succede che si pensi di aver fatto colpo.

Nonostante i messaggi però siano chiari e si dica esplicitamente che i sentimenti non sono ricambiati, capita che si continui a provare attrazione per chi invece ha un rifiuto. Più lui/lei si nega, più sembra crescere l’interesse.

Coppia in crisi

LEGGI ANCHE: Sanremo 2020, la canzone di Diodato parla del suo amore per Levante?

Perché? Per un motivo che si può estendere anche ad altre sfere della vita di chiunque: si vuole ciò che non si può avere. Ma è l’ambito sentimentale quello in cui ci si ostina di più. Secondo gli psicologi infatti il cosiddetto «rifiuto romantico» stimolerebbe alcune parti del cervello associate a motivazione, ricompensa, dipendenza e ricerca.

Uno studio, che ha utilizzato la risonanza magnetica funzionale, ha preso a campione il cervello di 15 uomini e donne recentemente respinti dai loro partner, ma ancora innamorati. Durante la scansione, i soggetti hanno visionato la foto della persona che li aveva respinti ed eseguito un esercizio di matematica come distrazione. Infine hanno guardato la foto di una persona familiare verso cui non provavano sentimenti tipicamente romantici.

Delusione amorosa

LEGGI ANCHE: Flora Canto: carriera, amore con Enrico Brignano, Instagram

Il team ha scoperto che il cervello mostra una maggiore attivazione in quelle aree associate a motivazione, ricompensa, desiderio, dipendenza, dolore fisico e angoscia. Questi sentimenti aumentano quando si pensa all’amore non corrisposto: quasi fosse una droga.

Le motivazioni per cui si mette in circolo un meccanismo simile non sono chiare, ma c’è un altro dato. Con il rifiuto la percezione valoriale di quella persona aumenta: viene vista come il compagno ‘più prezioso’ in chiave evolutiva.

Ma, se il cervello funziona in questo modo quando si viene rifiutati e non c’è mai stata una relazione, perché nasce la dipendenza? Probabilmente, si crea un’assuefazione per quello che sarebbe potuto essere, ma che non sarà mai.

LEGGI ANCHE: A 5 anni salva la sorellina di 2 e il cane da un incendio in casa.