Amuchina gratis per i cittadini: succede in provincia di Lecce e a Genova

Due iniziative analoghe per educare all’igiene in questo delicato momento per l’Italia.

gel disinfettante mani
Amuchina aumenta la produzione del gel

Le emergenze non solo possono provocare le psicosi ma anche dare luogo a gesti di solidarietà. Come quello di una farmacia della provincia di Lecce, precisamente di Cannole, che ha deciso di distribuire in maniera gratuita l’Amuchina, il famoso gel disinfettante per le mani.

Coome raccontato su Quotidianodipuglia.it, infatti, il prodotto sarà reperibile nel Comune con poco più di 1.600 abitanti in alcuni punti prestabiliti, come le scuole, l’ufficio postale, il poliambulatorio, il centro anziani e la sede del Municipio.

Il sindaco Leandro Rubichi ha spiegato: «La richiesta è pervenuta ieri mattina all’ufficio protocollo del Comune di Cannole da parte del consigliere comunale Walter Marchetti, della omonima ‘Farmacia Marchetti’ che nei prossimi giorni installerà a proprie spese, i distributori per prevenire il contagio da coronavirus. Lo ringrazio per questo gesto di attenzione per i nostri cittadini, in questo particolare momento di maggior bisogno».

Lavarsi le mani

LEGGI ANCHE: Coronavirus in Sicilia, Musumeci: “Meglio che i turisti dal Nord non vengano”.

Un’iniziativa analoga avviene anche a Genova dove in piazza Caricamento è stato allestito un banchetto che fornisce alcol, aceto e disinfettante per dare a tutti la possibilità di lavarsi gratuitamente le mani. Questo quanto deciso dal titolare di un chiosco che vende cibo da strada e che, quindi, vicino alla sua attività commerciale, ha messo su questo banchetto.

Alessandro Bariletti, titolare del chioschetto, ha affermato: «In questi giorni c’è chi specula su mascherine e gel disinfettante. Abbiamo pensato che un po’ di alcol e amuchina a noi non costa niente, ma serve a dare un segno di simpatia alle persone. Questo è un servizio che offriamo a tutti, qualcuno ha anche un po’ timore a farsi spruzzare ma chi si ferma è contento».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’appello di un’immunodepressa: “Lasciate le mascherine a chi rischia la vita”.