Analisi del sangue può identificare individui sani con rischio di cancro

Lo afferma uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Cancer Prevention Research.

È possibile identificare le persone sane con un rischio più elevato di cancro sulla base di un semplice prelievo di sangue.

Lo afferma uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Cancer Prevention Research dell’American Association of Cancer Research (AACR). Lo studio riporta che uomini e donne di mezza età apparentemente normali e asintomatici senza storia di cancro ma con cluster rilevabili di cellule tumorali circolanti (C-ETAC), nel sangue hanno un rischio 230 volte maggiore di sviluppare il cancro entro un anno rispetto agli individui in cui tali cluster non erano rilevabili nei campioni di sangue.

I ricercatori hanno esaminato più di 10.000 individui asintomatici e poi li hanno seguiti per un periodo di un anno. Allo stesso tempo, è stato esaminato il sangue di oltre 4.000 malati di cancro con vari tumori maligni.

I risultati – evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti – hanno mostrato che i C-ETAC sono stati quasi sempre trovati nei malati di cancro (più del 90%), ma erano estremamente rari (meno del 5%) in individui normali senza diagnosi o sintomi di cancro.

L’anno successivo, al 3,475% dei soggetti normali C-ETAC positivi sono stati diagnosticati vari tumori, rispetto allo 0,015% dei soggetti C-ETAC-negativi. Ciò significa che i soggetti normali C-ETAC positivi sono risultati avere un rischio 230 volte maggiore di una diagnosi di cancro entro un anno rispetto ai soggetti C-ETAC negativi. Ogni anno 9,6 milioni di persone in tutto il mondo muoiono di cancro, principalmente a causa della diagnosi tardiva.

Anche l’Organizzazione Mondiale della sSanità (OMS) ha identificato la diagnosi precoce come obiettivo primario nel suo rapporto del 2014. A tale riguardo, lo studio è importante. Il test ha un’accuratezza del 95,6% e copre più di 20 tumori, inclusi i tumori al seno, ai polmoni, alle ovaie, allo stomaco, al pancreas, al colon e alla prostata.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, fibrosi polmonari dopo le forme gravi: lo studio italiano.