Andrea Bocelli difende Placido Domingo: “Assurdo il trattamento che sta subendo”

L’artista italiano ha duramente criticato il muro eretto intorno al collega da parte dei teatri di tutto il mondo a causa delle accuse di molestie sessuali.

Andrea Bocelli e Placido Domingo

Solidarietà fra colleghi, verrebbe da dire. Andrea Bocelli difende il tenore Placido Domingo finito nella bufera a causa delle accuse di molestie sessuali. Intendiamoci: il nostro non ha proclamato l’innocenza del collega, ma ha detto la sua sul fatto che dal momento in cui è scoppiato lo scandalo, i teatri hanno annullato i suoi concerti.

Trovo assurdo – ha dichiarato all’Associated Press – il fatto che i teatri abbiano cancellato i concerti del musicista prima che il caso sia stato investigato a fondo. Sono ancora sconvolto da quello che è successo a questo incredibile artista. Mi hanno insegnato che prima di una sentenza definitiva c’è un processo e non mi risulta ci sia un processo a carico di Placido Domingo”.

LEGGI ANCHE: Quanto costa mangiare al ristorante dello chef Locatelli?

Andrea Bocelli

Poi ha evidenziato: “Non capisco: domani una signora può semplicemente venire e dire ‘Bocelli mi ha molestato 10 anni fa e da quel giorno in poi nessuno vuole più cantare con me e i teatri d’opera non mi chiamano più; è assurdo. Le persone dovrebbero distinguere tra la moralità delle figure pubbliche e la loro arte e abilità“.

Lo ricordiamo, lo scorso agosto il tenore spagnolo si è visto accusare di molestie da una donna: i fatti risalirebbero al 1999 e Domingo le avrebbe toccato con forza il seno sotto la vestaglia in camerino. Subito dopo si sono fatte avanti altre donne (in tutto una ventina) che hanno parlato di contatti indesiderati e di tentativi di bacio. Domingo ovviamente ha respinto al mittente tutte le accuse parlando di “relazioni consensuali”.

LEGGI ANCHE: Bullismo, ecco la legge: previsto l’allontanamento dal bullo da casa.

Foto di Greg Doherty

Con lo scoppio dello scandalo, molti hanno rescisso il contratto con il tenore che, tra l’altro, ha dovuto abbandonare la direzione dell’Opera House di Los Angeles che aveva dal 2003, e annullare la sua performance alle Olimpiadi di Tokyo del 2020.

Dopo un’attenta considerazione, ho deciso di non partecipare al Kabuki-Opèra a causa della complessità del progetto“, ha detto il tenore in merito alle Olimpiadi e senza fare alcun riferimento alle accuse di molestie sessuali.

LEGGI ANCHE: Quando lo zucchero nel sangue è troppo alto: i 9 sintomi comuni.