Angelo Sanzio, il Ken umano italiano, presenta il suo nuovo fidanzato

Si chiama Enrico, è sardo e fra i due ci sono dieci anni di differenza.

Della sua vita sentimentale non si è mai saputo niente, ma oggi è lui stesso a venire allo scoperto presentando ai followers il fidanzato. Stiamo parlando di Angelo Sanzio, l’ex gieffino noto al grande pubblico anche per essere stato ribattezzato il Ken umano italiano. In una intervista per ‘Leggo’, Sanzio ha parlato di Enrico, il consulente sardo che gli sta facendo battere il cuore.

Lo scorso febbraio – ha raccontato – Enrico mi ha chiesto l’amicizia su Facebook, non ci ho dato peso, credevo che fosse solo uno dei tanti curiosi che voleva attaccare bottone solo per gossip. A distanza di un po’ di tempo però scorrendo la rubrica di Messanger ho notato questa ‘fotina’ che ritraeva un bellissimo ragazzo e mi sono detto ‘però niente male, perché non ci ho parlato? Gli ho semplicemente scritto ciao, abbiamo iniziato a chattare e a differenza di altre la nostra è stata una chat molto sobria”.

Angelo Sanzio e il fidanzato.

Abbiamo affrontato questa conoscenza – ha continuato – con estrema maturità … sarà che è più grande di me di dieci anni. Mi fa sentire protetto ma non sento la differenza di età anche perché non ho mai avuto relazioni con miei coetanei. Enrico mi dà equilibrio e stabilità. Lui è quel gancio che mi riporta sulla terra, anche sotto il profilo professionale. abbiamo intenzione di conoscerci a fondo senza inutili giochetti e vedere se si può diventare una famiglia”.

E a proposito di famiglia, i due hanno le idee chiare a riguardo.

Sul tema adozione – ha spiegato l’ex gieffino – pensiamo entrambi che un bambino debba crescere e essere sostenuto da una coppia formata da un uomo e una donna in modo che le due sfere, maschile e femminile, si possano completare.  Abbiamo tanti progetti insieme, grazie ad Enrico mi sono riappropriato di un aspetto professionale della mia vita, che è quello della creazione dei profumi, la mia passione. Piccoli grandi passi, un po’ alla volta ma sempre insieme”.

Leggi anche: Loredana Berté: “Mia sorella Mimì non si è suicidata”.

Da SaluteLab: Perché ci dimentichiamo di essere innamorati quando mangiamo?