Annega i 3 figli e lascia un biglietto alla moglie

Dramma nella periferia di Chicago, negli Stati Uniti d’America

Un uomo della periferia di Chicago, Stati Uniti d’America, accusato della morte per annegamento dei suoi tre bambini piccoli, ha lasciato un biglietto per la moglie separata con queste parole: “Se non posso averli io, allora neanche tu”.

Jason E. Karels, 35 anni, di Round Lake Beach, è accusato del triplice omicidio di primo grado per la morte dei suoi tre figli: Bryant di 5, Cassidy di 3 e Gideon 2, avvenuta lunedì scorso, 13 giugno.

Il biglietto è stato trovato dai poliziotti quando si sono recati in casa sua per controllare lo stato dei bambini, su richiesta della madre, rinvenendo così i cadaveri.

Jason Karels è apparso davanti al giudice della contea di Lake, Theodore Potkonjak, ed è stata stabilita una cauzione di 10 milioni di dollari. L’ex moglie, Debra Karles, a CBS Chicago ha detto: “La cosa più importante per me erano i bambini, e lui lo sapeva. Sapeva che nient’altro contava se non quei bambin e me li ha portati via, perché sapeva che era il modo per ferirmi di più”. La donna ha raccontato di avere lasciato il marito un marito perché “trascurava la famiglia”.

La madre e i tre figli uccisi dal marito.
La madre e i tre figli uccisi dal marito.

La donna aveva portato i bambini dal padre la scorsa settimana: “Pensavo che ciò fosse giusto, avendo il diritto di vederli”. E ancora: “I miei figli erano assolutamente fantastici. Erano tre piccole anime bellissime che non meritavano questo”.

L’uomo è stato arrestato dopo un inseguimento della polizia che è terminato con un incidente. Jason Karels è stato ricoverato in ospedale per la cura delle ferite e poi dimesso. L’uomo ha confessato il triplice omicidio e dichiarato di avere anche tentato il suicidio ma senza riuscirci.

LEGGI ANCHE: Omicidio Elena del Pozzo, la madre aveva un complice? Cosa sappiamo