Antonella Clerici: “Sono stanca del trash, ecco quale programma vorrei condurre”

Antonella Clerici ha rilasciato un’intervista a Fanpage.it.

Intervistata da Fanpage.it in occasione della presentazione de Lo Zecchino D’Oro, Antonella Clerici ha definito terapeutico questo lungo periodo di pausa vissuto per lo stop su Rai1 e ha confessato di avere idee ben chiare sulla sua TV del 2020.

«Penso sempre che mi piacerebbe molto un format, sempre di ricette e cucina, che parli del prodotto e insegni l’uso del cibo nella maniera giusta, senza tralasciare la filosofia del km zero o della valorizzazione del territorio. È un format profondamente green, legato all’ambiente. Oggi l’attenzione è tutta concentrata sulla natura e sull’ecologia, cosa che prima non c’era e c’è anche maggiore attenzione e consapevolezza rispetto a quello che si mangia».

Antonella Clerici si dice inoltre aperta a valutare proposte da più realtà televisive: «Mi piacerebbe che questa idea si concretizzasse, per poi capire chi vuole farlo. Per me non è un problema con chi farlo, mi interessa solo fare una cosa in cui credo molto».

LEGGI ANCHE: Antonella Clerici: “Delusa dal comportamento della Rai”.

Il suo prossimo obiettivo? «Io insisto perché nel prossimo prime time torni ‘Ti lascio una canzone’. Attualizzandolo chiaramente, perché non puoi fare sempre le stesse cose».

«In questi mesi per forza di cose e mio malgrado, ho guardato molta TV a casa. C’e’ bisogno di pulizia, di rigore. Sono un po’ stanca del trash, cioè mi diverte e mi fa ridere, ma dopo un po’ basta. Non voglio sembrare bacchettona, ma vorrei si tornasse alla TV con dei valori».

Infine, fa un bilancio della situazione attuale, dopo lo stop forzato in Rai: «Sono più lucida. Venivo da 19 anni di lavoro ininterrotto, conducevo un quotidiano. Finivo una cosa e ne iniziavo un’altra. Poi arriva quel momento in cui non scegli più tu e ti fai fagocitare dalle cose. Mi divertivo sempre meno e alla fine questo stop, se vogliamo vedere il bicchiere mezzo pieno, è stato terapeutico. Ho capito cosa mi piaceva fare e non mi piaceva fare. Alla fine ho delegato sempre troppo, quello è stato uno dei problemi».

LEGGI ANCHE: Quali sono i nomi preferiti dai neo genitori italiani.