Aquarius verso la Spagna, le parole di Di Maio e Salvini

La Spagna accoglierà la nave Aquarius. È un punto di svolta. È bastato fare ciò che avrebbero dovuto fare i governi precedenti. Cioè dire che l’Italia non può farsi carico da sola di questo fenomeno globale“.

Così Luigi Di Maio, vicepremier, ministro e leader del Movimento Cinque Stelle.

Da oggi l’Italia – ha aggiunto Di Maio – non è più sola. Ci auguriamo che gli altri leader europei seguano l’esempio di Sanchez. Questa è la dimostrazione che se si vuole si può fare. Ora speriamo che questo non rimanga un gesto isolato. Prima di tutto siano modificate le regole di Dublino“.

LE PAROLE DI MATTEO SALVINI

In una conferenza stampa, andata in diretta anche su Facebook, Salvini ha detto che “alzare garbatamente la voce paga“, dopo il no all’approdo dell’Aquarius in Italia e il sì della Spagna.

Abbiamo aperto un fronte per una nuova politica dell’immigrazione a livello continentale. Naturalmente la partita non si chiude oggi ma l’Italia non può essere la sola ad accogliere. La nostra priorità è salvare vite. Grazie alla Spagna ma la UE non può andare avanti col buon cuore. Il governo è compatto alla faccia di chi vedeva spaccature Lega – Movimento Cinque Stelle. Segnato un punto a nostro favore e aperto squarcio di giustizia“, ha aggiunto Salvini che ha concluso così: “Faremo lo stesso con tutte le navi” e “ridurremo la spesa di 35 euro a migrante“.