Arrestata Sahar Tabar, la sosia ‘cadavere’ di Angelina Jolie: è accusata di blasfemia

La giovane avrebbe insultato i simboli islamici, tra i quali l’hijab.

Ha oltre 15mila di followers su Instagram ed è diventata famosa come la sosia di Angelina Jolie, o anche come ‘la sposa cadavere’ vivente. Stiamo parlando di Sahar Tabar, 22enne iraniana e influencer molto seguita soprattutto nel suo Paese.

Oggi si torna a parlare di lei perché, come riporta l’agenzia iraniana ‘Tasnim’ è stata arrestata. Su ordine di un tribunale di Teheran deve rispondere di “crimini culturali e corruzione morale e sociale“, le accuse sono di blasfemia, istigazione alla violenza, guadagni illeciti e incitamento dei giovani alla corruzione. La giovane avrebbe insultato i simboli islamici, tra i quali l’hijab.

Sahar circa un anno fa era diventata famosa per aver mostrato su Instagram le foto che documentavano il presunto percorso a base di interventi chirurgici che stava seguendo per trasformarsi nella sosia della celebre attrice americana. Aveva parlato di circa 50 operazioni per rendere il naso esageratamente a punta e le labbra decisamente più carnose della Jolie. Complici anche lenti a contatto color ghiaccio, una dieta che l’aveva portata a pesare 40 chili e un make-up ad hoc ed ecco che la giovane era diventata un caso.

Poi Sahar aveva raccontato la verità: tutto merito di trucco e soprattutto di un sapiente fotoritocco. E per dimostrarlo aveva iniziato a diffondere anche le sue foto ‘vere’.

Insomma, aveva gabbato quasi tutti. L’arresto e le accuse, però, sono veri.

Leggi anche: Robert De Niro denuncia assistente.

Da SaluteLab: 8 alimenti che aiutano a ridurre le emicranie.