Arrestato il ‘pizzaiolo del Papa’: truffava gli anziani fingendosi un avvocato

L’uomo, Vincenzo Ciacalli, detto Enzo, è stato arrestato dalla squadra mobile di Genova.

Vincenzo Ciacalli, detto Enzo, era diventato famoso il 23 marzo 2015 quando diede una pizza a Papa Francesco in visita a Napoli. Gli ingredienti: mozzarella di bufala, pomodorini giallli e la scritta ‘W il Papa’.

All’epoca del dono Ciacalli aveva 43 anni e da quel giorno divenne ‘il pizzaiolo del Papa’: la notizia fece il giro del mondo, ne parlò persino la CNN.

A distanza di quattro anni, però, l’uomo è stato arrestato lunedì scorso dalla squadra mobile di Genova con l’accusa di essere un truffatore seriale di anziane e pensionate.

L’uomo è stato arrestato in flagranza di reato per aver raggirato una donna di 85 anni a Torino, in corso Vittorio Emanuele.

Come raccontato dal Secolo XIX, Cacialli si fingeva un avvocato specializzato in incidenti stradali e raccontava agli anziani di essere l’assistente di giovani parenti coinvolti in sinistri.

La formula, più o meno, era sempre questa: “Sono il legale Demichelis, suo nipote ha provocato un incidente e ha bisogno urgente di soldi perché si trova in carcere“. Poi, dopo avere intascato il denaro, il ‘pizzaiolo’ faceva perdere le sue tracce.

A Genova l’uomo avrebbe truffato quattro anziani ed è stato incastrato dalle immagini che lo hanno immortalato sotto casa delle persone truffate e in stazione.

La Polizia è anche a caccia di un complicio, un centralinista che cominciava gli approcci con gli anziani, poi conclusi da Cacialli che si recava agli appuntamenti con i truffati e poi se ne ritornava a Napoli in treno.

L’uomo è anche il figlio di Ernesto Ciacacalli, il pizzaiolo che nel 1994 cucinò una pizza margherita per l’allora presidente americano Bill Clinton.

Leggi anche: Marco Masini: “Mi dicevano che portavo sfortuna”.

Da SaluteLab: Tumore alla testa e al collo: ecco perché bisogna assolutamente smettere di fumare