Arrestato sospettato ISIS a Viterbo

Il suo nome è Denis Illarionov. È un 24enne italiano di origine lettone. La polizia di Viterbo lo ha arrestato perché ritenuto un “soggetto che avrebbe potuto fare qualcosa di pericoloso“.

In casa sua, infatti, sono stati rinvenuti un “manufatto cilindrico di cartone“, un fucile, due pistole ad aria compressa, un tirapugni ed alcune apparecchiature informatiche. L’accusa per lui è di “fabbricazione o detenzione di materie esplodenti“.

Il giovane è finito sotto la lente degli investigatori italiani a seguito di una segnalazione dell’FBI. Sui social il 24enne aveva elogiato Saipov Sayfullo, l’estremista islamico che lo scorso 31 ottobre investì e uccise otto persone su una pista ciclabile a New York, scrivendo “un altro angelo caduto per mano degli infedeli”.

Non solo. Aveva anche scritto “è ora di ammazzare i bambini dell’asilo” sotto una sua foto con pistola in pugno, e la frase “questo fa saltare in aria tutto” a commento di una immagine del nitrato di potassio che aveva acquistato on line. Inoltre, aveva creato dei falsi profili in cui postava contenuti blasfemi.

Al momento non ci sono collegamenti con l’Isis o altre organizzazioni terroristiche, ma sono in corso ulteriori accertamenti.