Arriva in Tv la storia della nascita del Piccolo Coro dell’Antoniano

La fiction andrà in onda domenica 3 novembre su Rai 1 in prima serata.

La storia della nascita del Piccolo Coro dell’Antoniano diventa un film per la tv. La fiction si chiama ‘I ragazzi dello Zecchino d’Oro’ e andrà in onda in prima serata su Rai 1 domenica 3 novembre. Questa è la storia, così come è riportato sul sito della Rai.

Anni ’60, Bologna. Mimmo, 9 anni, è quello che oggi si direbbe un bambino difficile. Figlio di immigrati dalla Sicilia, alla scuola e allo studio preferisce la vita di strada con il fratello maggiore, Sebastiano. Mimmo però ama cantare e ha un orecchio musicale straordinario, così un giorno la madre, Ernestina, disperata, lo porta a un provino per un concorso canoro. Un consiglio del suo insegnante: forse la musica potrà salvarlo. Quello che ancora nessuno sa è che quel provino è l’inizio di uno spettacolo destinato a entrare nella storia della televisione italiana: lo Zecchino d’Oro.

Si tratta di una coproduzione Rai Fiction e Compagnia Leone Cinematografica. La regia è di Ambrogio Lo Giudice che, da piccolo, fu uno proprio uno di ‘quei’ ragazzi.

Mariele Ventre

Anche io sono stato un bambino dello Zecchino – ha detto alla conferenza stampa di presentazione della fiction – e per molto tempo l’ho tenuto nascosto, poi ho capito che era arrivato il momento di condividerlo e raccontarlo perché è una storia che riguarda tutti e anche le canzoni sono diventati nostro patrimonio, Mariele Ventre è stata la mia maestra“.

Matilda De Angelis interpreta Mariele Ventre, l’indimenticata maestra di musica che darà vita ad una formazione stabile, una vera scuola di canto e di vita, il Piccolo Coro dell’Antoniano di Bologna che oggi porta il suo nome. Simone Gandolfo veste i panni di Cino Tortorella e del suo mago Zurlì. Nel cast ci sono anche Maya Sansa, Antonio Gerardi e Valentina Cervi. Il ruolo del piccolo Mimmo, invece, è stato affidato a Ruben Santiago Vecchi.

Leggi anche: Curiosità su Bianca Berlinguer.

Da SaluteLab: Bambino nasce senza volto.