Asia Argento contro Cristiana Capotondi: “È incoerente”. La replica

Asia Argento, da quando è scoppiato lo scandalo Weinstein, ha scelto di attivarsi in prima persona contro le molestie sessuali nel mondo dello spettacolo, usando spesso e volentieri l’arma dell’attacco verbale.

L’ultima ad essere stata bersagliata dall’attrice romana è stata la collega Cristiana Capotondi, protagonista della fiction andata in onda ieri sera su Canale5 e incentrata sulla figura di Renata Fonte, uccisa dalla criminalità organizzata nel 1984.

Asia Argento, infatti, si è scagliata contro la Capotondi perché rea di avere sì sottoscritto il documento del movimento #MeToo per chiedere maggiori diritti per le donne dello spettacolo ma, al contempo, di avere manifestato vicinanza a Fausto Brizzi, il regista finito nell’occhio del ciclone per presunte molestie sessuali a danni di provinanti.

La Capotondi, 37 anni, ha replicato con un lungo post su Instagram:

Cara Asia Argento, mi dispiace vedere che irridi alle firme del manifesto in particolare alla mia – ha scritto in un post su Instagram la Capotondi -. Se la ragione è aver manifestato dolore e vicinanza a Brizzi nel momento in cui tutti l’attaccavano, io continuo a pensarla così: 1) la solidarietà, l’amicizia, il sostegno verso chi subisce violenza o molestia è per me un riflesso automatico. Sempre e comunque, senza se e senza ma. 2) Siccome odio i processi sommari, soprattutto quelli fatti in tivù o in piazza, io finché il giudice non si pronuncia rimango garantista. 3) Brizzi è un vecchio amico e io non abbandono i miei amici. Nemmeno se avessero sbagliato, nemmeno se si fossero comportati male. Detto questo mi dispiace che nel momento in cui cerchiamo di abbracciarti tu ti volti dall’altra parte“.

Cara @asiaargento, mi dispiace vedere che irridi alle firme del manifesto in particolare alla mia. Se la ragione è aver manifestato dolore e vicinanza a Brizzi nel momento in cui tutti l’attaccavano, io continuo a pensarla così: 1) la solidarietà, l’amicizia, il sostegno verso chi subisce violenza o molestia è per me un riflesso automatico. Sempre e comunque, senza se e senza ma. 2) Siccome odio i processi sommari, soprattutto quelli fatti in tivù o in piazza, io finché il giudice non si pronuncia rimango garantista. 3) Brizzi è un vecchio amico e io non abbandono i miei amici. Nemmeno se avessero sbagliato, nemmeno se si fossero comportati male. Detto questo mi dispiace che nel momento in cui cerchiamo di abbracciarti tu ti volti dall’altra parte.

Un post condiviso da Cristiana (@cristianacapotondi) in data: