Asia Argento: “Il Mossad vuole uccidermi”

Asia Argento ha paura. Ha paura di essere uccisa. Teme che il Mossad possa fare del male a lei e alla sua famiglia. Ma perché proprio i servizi segreti israeliani?

Secondo quanto lei stessa ha dichiarato, Harvey Weinstein si sarebbe servito proprio del Mossad per nascondere il suo “vizietto” in tutti questi anni, e ora che lo scandalo è venuto a galla l’attrice teme ritorsioni. E anche se non ha ricevuto minacce, la figlia del re dell’horror non vuole più uscire di casa.

Nel frattempo ha abbandonato l’Italia come aveva anticipato durante una puntata di #Cartabianca. Le aspre critiche che le sono piovute addosso proprio per il caso Weinstein l’hanno ferita.

Al coro dei suoi accusatori, di recente, si è aggiunta anche la voce del suo ex marito Morgan. Dalle colonne del “Mattino” ha dichiarato: “Certo che me ne aveva parlato, Weinstein era suo amico. Non so che dire, anche se trovo esagerato parlare di violenza. Una madre del genere non è tanto un buon modello”.

Da parte sua l’attrice ha risposto con un tweet: “Morgan non paga il mantenimento di sua figlia dal 2010. Gli pignoreranno la casa. Vede la figlia due volte l’anno. È un pessimo padre e un uomo alla deriva”.