AstraZeneca, negli USA interrotta la produzione del vaccino

La decisione del Governo degli Stati Uniti d’America

Il Governo degli Stati Uniti d’America ha ordinato ad AstraZeneca d’interrompere la produzione del suo vaccino anti Covid-19 nei laboratori della Emergent BioSolutions di Baltimora, nel Maryland.

Qui, il mese scorso, fino a 15 milioni di dosi del siero di Johnson & Johnson sono risultate inutilizzabili a causa di un errore umano. La decisione di Washington è stata presa per evitare ulteriori rischi di contaminazione dei vaccini.

A Baltimora, la Emergent BioSolutions produceva sotto licenza sia il siero di Johnson & Johnson, sia quello di AstraZeneca. In seguito all’incidente di marzo, però, il governo ha ordinato alla multinazionale statunitense Johnson & Johnson di prendere il pieno controllo della produzione del proprio vaccino nello stabilimento.

Allo stesso tempo, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti, il Dipartimento della sanità ha ordinato ad AstraZeneca di produrre il suo vaccino altrove. Non è noto dove sarà prodotto il preparato della casa farmaceutica anglo-svedese. Lo riporta la CNN che cita un anonimo funzionario dell’amministrazione del portale d’informazione americano.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, scoperta in Italia una nuova variante