AstraZeneca, OMS: “Il vaccin è sicuro, nessuna relazione con la trombosi”

La dichiarazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

«Al momento non è stata stabilita alcuna relazione causale tra questi eventi rari» di trombosi e il vaccino AstraZeneca. Lo ha dichiarato l’Organizzazione Mondiale della Sanità in una nota.

Secondo l’OMS «i dati disponibili non suggeriscono alcun aumento complessivo» di eventi «di coagulazione come la trombosi venosa profonda o l’embolia polmonare in seguito alla somministrazione di vaccini Covid-19. I tassi riportati di eventi tromboembolici dopo i vaccini Covid-19 sono in linea con il numero previsto di diagnosi» nella normalità.

«Entrambe le condizioni – ha sottolineato ancora l’OMS – si verificano naturalmente e non sono rare. E si verificano anche come risultato di Covid-19».

«Sebbene eventi tromboembolici molto rari», «siano stati segnalati anche a seguito della vaccinazione con AstraZeneca in Europa, non è certo che siano stati causati dalla vaccinazione», ha precisato ancora l’OMS, raccomandando «un’informazione adeguata agli operatori sanitari e alle persone che vengono vaccinate per riconoscere i segni e i sintomi di tutti gli eventi avversi gravi dopo le vaccinazioni con tutti i vaccini contro il Covid-19».

LEGGI ANCHE: Covid-19, alcune Regioni cambiano colore.

Per l’OMS «Il vaccino AstraZeneca continua ad avere un profilo positivo di rischi-benefici, con un enorme potenziale per prevenire le infezioni e ridurre i decessi in tutto il mondo» per Covid-19.

Infine, il direttore generale dell’OMS, Tedros Ghebreyeus, ha affermato: «I casi di Covid19 stanno aumentando nella maggior parte delle regioni. Questo è un trend preoccupante, mentre continuiamo ad assistere all’impatto delle varianti, alla riaperture delle società ed alle diseguaglianze nella campagna vaccinale. Dopo sei settimane di calo nei contagi a gennaio e febbraio, siamo adesso alla quarta settimana consecutiva di aumento dei contagi. Al momento il numero dei morti continua a calare, ma più lentamente».

LEGGI ANCHE: EMA: “Vaccino di AstraZeneca sicuro ed efficace”, abbiamo perso tempo?