Attaccata da uno squalo e salvata dal padre: 17enne perde una gamba

Il dramma di Paige Winter e il coraggio del padre che ha preso ‘a pugni’ lo squalo.

Paige Winter

Domenica scorsa, dopo essere sopravvissuta a un orribile attacco di squali in una spiaggia della Carolina del Nord (Stati Uniti d’America), una ragazza di 17 anni ha perso una gamba e alcune dita.

La vittima si chiama Paige Winter e, stando al Vidant Medical Center, si trova in buone condizioni e sta ricevendo “cure eccellenti“.

Lacy Whorton, testimone oculare, ha dichiarato a NBC News che “tutti hanno cominciato a urlare” quando è avvenuto l’attacco e i bagnini hanno rapidamente estratto la ragazza dall’acqua. Il padre di Paige, Charlie, si è unito eroicamente ai soccorsi, secondo quanto riferito dalla nonna, Janet Winter. “Grazie a Dio nostro figlio era con lei. Ha detto di avere colpito lo squalo in faccia 5 volte prima di lasciarlo andare“, ha scritto su Facebook.

L’incidente è avvenuto ad Atlantic Beach, città a circa 70 chilometri a est di Jacksonville. il testimone ha raccontato che va spesso in quella spiaggia e “non ha mai visto nulla di simile“.

Paige Winter

La ragazza, una volta soccorsa, ha mostrato “profonde lacerazioni a livello delle gambe, della pelvi e delle mani”, stando a quanto riportato da un portavoce del Dipartimento dei vigili del fuoco di Atlantic Beach.

Paige è stata trasferita in aereo a Greenville per ricevere le cure. La sua famiglia ha creato una pagina su GoFundMe per raccogliere i fondi per “interventi chirurgici, terapia fisica, protesi, processo di recupero e giorni di assenza dal avoro“. Nella descrizione i familiari affermano che “a causa della gravità dell’attacco, l’amputazione della gamba sinistra di Pagie, sopra il ginocchio, era inevitabile“. La campagna ha raccolto fino a oggi più di 8mila dollari, ovvero poco più di 7mila euro.

Nonostante il grave incidente subito, la ragazza è di buon umore e resta innamorata della vita marina.

Leggi anche: ragazza tenta di mangiare vivo un polpo e l’animale l’attacca.