Auto che si guida da sola travolge donna. Il video dell’impatto

https://www.cronacasocial.com/wp-content/uploads/2018/03/4A59F0B900000578-5529453-Victim_Elaine_Herzberg_49_was_homeless_and_had_a_string_of_drugs-a-2_1521723874417.jpg

Le autorità dell’Arizona (USA) hanno rilasciato un filmato che mostra i momenti della collisione fatale tra un pedone e un’auto con guida autonoma di Uber.

Il video è stato diffuso dalla polizia di Tempe e mostra l’auto che va ad una velocità di 38 miglia/ora (60 km/h) in una strada deserta dove il divieto è di 45 miglia/ora (72 km/h).

A un tratto dall’oscurità emerge una donna che cammina, mentre trascina una bicicletta. Poi l’impatto e per il pedone – la 49enne Elaine Herzberg – non c’è stato nulla da fare.

L’auto non sembra rallentare prima dello schianto e la Polizia ha spiegato che né il mezzo né l’autista hanno frenato “significativamente” prima dell’impatto.

In un’altra inquadratura, l’autista, Rafaela Vasquez, si vede al volante mentre l’auto va da sola.

Nei secondi che precedono la collisione, la Vasquez, la guidatrice che deve prendere il controllo dell’auto in caso di problemi, guarda in basso e di lato. Pochi secondi dopo, la donna si allarma quando si rende conto che la macchina sta per colpire il pedone.

Il filmato sembra confermare le affermazioni di Vasquez secondo cui lei era vigile durante la corsa e non avrebbe potuto fare nulla per evitare la collisione.

La vittima, Elaine Herzberg.

Un portavoce di Uber ha detto: “Il video è inquietante e straziante da guardare e i nostri pensieri vanno ai familiari della vittima. Le nostre auto restano bloccate e assistiamo le autorità locali, statali e federali in ogni modo possibile“.

La Vasquez avrebbe dovuto agire come un “autista di sicurezza” e prendere il controllo del veicolo se qualcosa fosse andato storto.

La donna ha detto alla polizia che la vittima – che aveva trascorso del tempo in prigione per avere commesso alcuni reati legati alla droga – era sbucata di fronte a lei con una bicicletta che trasportava borse della spesa e che non ha avuto il tempo di frenare prima di colpirla.

La sua storia è stata supportata da riprese di telecamere montate sul fronte e sul retro del SUV Volvo.

All’inizio di questa settimana si è appreso inoltre che la Vasquez ha avuto problemi con la legge negli anni passati, tra cui un arresto e una condanna per tentata rapina a mano armata ai danni di un negozio di noleggio video.

La Vasquez aveva alle spalle due reati penali quando è stata ingaggiata da Uber per testare l’auto a guida autonoma nell’area di Phoenix, in Arizona.

All’epoca dei fatti era nota come Rafael ed era un maschio. Non è noto quando ci sia stato il cambiamento di genere.

Secondo Sylvia Moir, capo della polizia di Tempe, “è chiaro che sarebbe stato difficile evitare l’incidente in qualsiasi tipo di modalità (autonoma o guidata) sulla base di come la vittima sia spuntata dall’ombra“.

Fonte: Daily Mail.