Auto contro albero, Ilaria morta a 34 anni dopo la proposta di matrimonio

È successo a Foggia, in Puglia.

La città di Foggia, in Puglia, è scossa per la morte della 34enne Ilaria Adriatico che tre giorni fa ha ricevuto una romantica proposta di matrimonio dal suo fidanzato – uno striscione con la scritta “mi vuoi sposare” appeso sulla ruota panoramica in pieno centro cittadino – ma la vigilia di Natale la sua vita si è spezzata contro un ulivo, dove l’auto che conduceva si è schiantata.

Ilaria Adriatico, titolare di un negozio di abbigliamento a Foggia è morta la sera del 24 dicembre, intorno alle 19.30, sulla Strada Statale 673, dopo che la sua automobile, per cause ancora da accertare, è sbandata finendo fuori strada e terminando la corsa con un violento impatto contro un albero.

L’incidente è avvenuto alla periferia della città pugliese, intorno alle 19.30. Una morte tragica che ha colpito tutta la comunità foggiana dove la giovane era molto conosciuta e anche dopo la romantica proposta di matrimonio del suo fidanzato.

LEGGI ANCHE: 16enne morto a Roma: investitore con tasso alcolemico 1.4.

Ilaria Adriatico.

Tra il 24 e il 25 dicembre, purtroppo, ci sono stati altri incidenti stradali mortali.

Come ad Arce, in provincia di Frosinone, dove una 24enne è morta sul colpo, travolta da una macchina mentre stava per entrare nel parcheggio della chiesa nella Notte di Natale.

L’incidente è avvenuto la sera della vigilia lungo la regionale ‘Valle del Liri’ poco prima della mezzanotte. Ilaria – stesso nome della ragazza di Foggia – e il padre Maurizio a bordo di una Lancia y10 stavano svoltando nel parcheggio antistante la chiesa di Sant’Eleuterio ad Arce quando sono stati centrati da una Giulietta che arrivava ad alta elocità. Un impatto terribile che non ha lasciato scampo alla giovane, laureata in sociologia e volontaria della protezione civile di Fontana Liri.

Feriti il padre e il conducente dell’Alfa, un 30enne residente a Colli, frazione di Monte San Giovanni Campano. Indagano i carabinieri di Sora e la procura di Cassino.

LEGGI ANCHE: Avvenire contro Netflix per il film su Gesù gay.