Auto nel fossato dopo la festa di Halloween: morta 18enne, in coma il fidanzato

L’incidente stradale è avvenuto a Musile di Piave (Venezia).

Tragico incidente stradale a Musile di Piave, comune della città metropolitana di Venezia, in Veneto, lungo la Strada Statale 14.

Una giovane di 18 anni, Giulia Zanardin, che si trovava a bordo dell’auto su cui viaggiava con il fidanzato 19enne (a cui la polizia aveva sequestrato la patente poche ore prima perché trovato in possesso di una piccola quantità di hashish) è morta.

Al ragazzo, Alberto Antonello, era stato dato un permesso per il solo rientro a casa (la legge, infatti, prevede che in questi casi venga rilasciato un permesso per poter rientrare a casa, dopo il quale parte la sospensione per 30 giorni). La coppia, però, si è recata a una festa di Halloween, a Jesolo.

Al mattino, viaggiando verso casa, intorno alle 7.50, c’è stato lo schianto, a Musile di Piave. Dai test sarebbe emersa la positività all’alcol del giovane alla guida e si attende l’esito degli esami tossicologici. Il 19enne è in ospedale in coma.

Da una prima ricostruzione dei carabinieri della Compagnia San Donà di Piave, l’auto su cui viaggiavano i due ragazzi è uscita di strada entrando nel terrapieno, ha colpito un albero a bordo strada e poi si è ribaltata su se stessa.

La ragazza, originaria di San Floriano di Castelfranco Veneto, è morta sul colpo.

Giulia Zanardin, la vittima.

Il 19enne, anche lui di Castelfranco Veneto, è il fratello di Andrea e figlio di Franco, che hanno ispirato il film di Gabriele Salvatores, ‘Tutto il mio folle amore’, appena uscito nelle sale.

Il film, tratto dal romanzo ‘Se ti abbraccio non aver paura’, racconta la storia dell’imprenditore di Castelfranco Veneto e del figlio autistico e del loro viaggio di tre mesi in America.

Leggi anche: Monopattini elettrici sotto attacco: multe e polemiche a Torino.

Da SaluteLab: Come si spiega la sensazione di deja-vu? Ecco cosa dice la scienza.