Auto travolge sei persone vicino a una scuola: morto un 12enne

È successo a Loughton, nell’Essex, un sobborgo nordorientale di Londra.

Una macchina lanciata all’impazzata ha ucciso un ragazzo di dodici anni e ferito altre cinque persone vicino alla Debden Park High School a Loughton, nell’Essex, un sobborgo nordorientale di Londra.

Ne ha dato notizia la Bbc, secondo la quale la polizia sarebbe sulle tracce di un uomo di cinquantun’anni identificato come Terry Glover.

I feriti sarebbero due ragazzi di 15 anni, uno di 13 e una ragazza di 16 anni, oltre a una donna di 53. Tutti i feriti tranne la donna sono alunni della stessa scuola di Debden Park. Nessuno di loro sarebbe in pericolo di vita, secondo l’emittente britannica.

Testimoni hanno visto una Ford Ka color argento – di cui è stata identificata anche la targa – lanciarsi sul gruppo in quello che hanno descritto come un gesto ‘deliberato’. Dopo l’incidente è probabile che abbia subito danni evidenti sulla parte anteriore.

La polizia ha aperto un’inchiesta per omicidio ed è sulle tracce dell’uomo 51 anni di nome Terry Glover. La ‘caccia’ è aperta in tutta l’Inghilterra. Secondo la polizia dell’Essex il caso potrebbe essere collegato a un altro episodio avvenuto nei paraggi.

Al momento, comunque, nessuna ipotesi di movente terroristico.

LEGGI ANCHE: Londra, aggressore accoltella passanti: ucciso dalla polizia.

Rob Kirby, capo ispettore della polizia locale ha affermato: «È stato un incidente davvero scioccante e la nostra più profonda solidarietà va a tutti coloro che sono stati coinvolti».

«Vorrei ringraziare i numerosi passanti che ci hanno chiamato e dato informazioni parlando con i nostri agenti, nonché quelli che hanno fornito assistenza medica cruciale sulla scena».

L’ufficiale poi ha rivolto un «appello pubblico urgente a chiunque abbia informazioni o sia in possesso di immagini video o abbia visto qualcosa sui social media che possa essere considerato cruciale», invitandoli a chiamare subito i numeri di emergenza.

LEGGI ANCHE: Cristina Parodi non compra più carne per “salvare il pianeta”. Ha ragione?