Bambini e mamma travolti dal treno, ecco cos’è successo

Secondo gli inquirenti è ormai chiara la dinamica dell’incidente che ha causato la morte di Giulia e Lorenzo Pipolo, di 6 e 12 anni, e del ferimento grave della madre Simona Dall’Acqua.

La tragedia è avvenuta mercoledì scorso a Brancaleone (Calabria), di mattina, quando la famiglia stava raggiungendo la spiaggia. I due bambini sono morti all’istante, la madre è in coma, in pericolo di vita, ricoverata nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Reggio Calabria: ha riportato un grave trauma cranico e fratture multiple.

La bambina, affetta da autismo, è sfuggita al controllo della madre. Il fratellino l’ha rincorsa e la madre ha fatto altrettanto per salvare entrambi.

In quel momento, infatti, stava sopraggiungendo il treno regionale, partito da Catanzaro Lido e diretto a Reggio Calabria. Il macchinista ah attivato la sirena per segnalare il pericolo e ha azionato i freni ma non ha potuto evitare l’impatto con i tre che si trovavano sui binari. I bambini sono stati colpiti in pieno, la madre parzialmente.

L’autorità giudiziaria, inoltre, ha deciso di non effettuare alcuna autopsia sul corpo dei due bambini, perché le cause del decesso sono altrettanto chiare.

La figlia più grande, 16 anni, che non era con il resto della famiglia quando è avvenuto il dramma, è sotto shock ed è sotto sorveglianza di uno psicologo.