Barbara D’Urso vittima di stalker: ecco chi è indagato

Si tratta di un giornalista che avrebbe stalkerizzato la conduttrice attraverso profili fake sui social.

Rogne in vista per Alberto Dandolo. Il giornalista della redazione di ‘Dagospia’ ha un conto in sospeso con Barbara D’Urso. A rivelarlo è stato il diretto interessato con un post su instagram dove ha pubblicato il documento che attesta una denuncia nei suoi confronti.

La notizia – ha scritto Dandolo – riguarda proprio il sottoscritto e il suo presunto coinvolgimento in un procedimento giudiziario relativo ad un profilo instagram che si chiamava @barbaracarmelitadurto. Vi scrissi già qualche tempo fa che fui interrogato a lungo dalla Polizia Postale. Ma la notizia del giorno è che in questi mesi sono stato indagato e che qualche giorno fa si sono pure chiuse le suddette indagini. Ovviamente io vorrei dirvi e darvi tanti dettagli che non posso rendere noti per opportunità legali. Ieri ho ritirato alla Polizia Postale la notifica di comunicazione fine indagini e ho scoperto che sono stato indagato per stalking contro la signora Maria Carmela D’ Urso. Solo da questo momento il mio avvocato avrà accesso agli atti. Una volta letti, scriveremo una memoria difensiva in cui dovrò far maturare al Pm la certezza di non essere uno stalker informatico seriale della signora Maria Carmela. Un persecutore ossessionato da lei a tal punto da creare molteplici profili fake con i quali stalkerizzarla, compromettendone la sua salute fisica e i suoi equilibri psichici. (LEGGETE LA PARTE ORIGINALE IN FOTO). POI LE STRADE SONO 2 : O SI ARCHIVIA LA MIA POSIZIONE O MI SI RINVIA A GIUDIZIO. In quest’ultimo caso divento IMPUTATO”.

View this post on Instagram

PARTE 2 SGOOOOOOPPPP @BARBARACARMELITADIURTO In questo momento preciso non sono niente. Sono come  il ciuffo di Malgioglio nella fase della decolorazione. Quella che precede la tanto  famosa tinta bianco virginale. Ecco il fulcro, anzi il CUORE, del documento ritirato in cui mi viene comunicato la ragione per cui io  sono stato indagato. E come me anche  la persona che ha creato e gestito quel profilo : "Indagati per il seguente reato: reato p. e p. dagli artt. 110, 612 bis 2° comma c.p. perché, in concorso tra loro, con condotte reiterate, ed in special modo mediante la creazione di profili social-Instagram a lei apparentemente riferibili, molestavano e minacciavano Maria Carmela D'Urso, in modo da cagionare nella medesima un perdurante e grave stato d'ansia e di paura. In Milano, dal febbraio 2018 al 13 marzo 2019. Fatto aggravato perché commesso mediante strumenti informatici e telematici. " Vi devo confessare che stasera prevale nettamente l'orgasmo mentale del giornalista che ha dato per primo la notizia rispetto alla incazzatura dell'uomo che, bene o male che vada sta vicenda, dovrà costringere il proprio tempo, che tra i doni della vita e'più prezioso, a essere occupato tra avvocati e aule di Tribunali.  A proposito, il mio è un avvocato di quelli super strong : il mitologico Matteo Uslenghi, che peraltro e' un mio amico vero.  Ed essendo pure un avvocato di quelli con le contropalle sono certo che non mi farà condividere ad Opera la cella con Furbizio Corona.  Ah, per fortuna avendo un regolare contratto di lavoro potro' accendere un prestito con una delle Finanziarie ultra pop che abbiamo qui a Viake Monza per spese che non avevo previsto . Come finirà questa "ficZion"? AH, SAPERLO.. 😂❤️

A post shared by Alberto Dandolo (@alberto_dandolo) on

Nella foto si legge chiaramente che Dandolo è indagato insieme ad altri perché “con condotte reiterate, ed in special modo mediante la creazione di profili social-Instagram a lei apparentemente riferibili, molestavano e minacciavano Maria Carmela D’Urso, in modo da cagionare nella medesima un perdurante e grave stato d’ansia e di paura”.

E Barbara D’Urso ha scritto a ‘Dagospia’ per fare una precisazione: “A proposito della vicenda riportata dal sito Dagospia in relazione ad una mia denuncia, preciso di averla sporta, con l’assistenza dell’avvocato Salvatore Pino, nei confronti di IGNOTI per un account fake di Instagram. Leggo che sarebbero stati identificati i responsabili a me pero’ assolutamente ignoti in questa vicenda. Grazie”.

Leggi anche: Catania, falsa donna innamorata gli spilla soldi: arresti.

Da SaluteLab: I cellulari in tasca possono causare l’infertilità?