Belgio, con machete attacca i poliziotti al grido di “Allah Akbar”

Un uomo, con un’arma bianca, forse un machete, ha attaccato una pattuglia di militari ed è stato colpito dal fuoco degli agenti, due dei quali avrebbero riportato ferite non gravi.

L’aggressore, durante l’attacco, avrebbe guidato: “Allah Akbar“.

È accaduto a Bruxelles, in Belgio.

L’uomo, un somalo di circa trent’anni, si trova in gravi condizioni, trasferito in ospedale.

L’attacco è avvenuto al Boulevard Emile-Jacquain, vicino alla Grand Place, nel centro della capitale belga.

Nella zona è stato attuato un importante dispositivo di sicurezza.

Tutto il nostro sostegno ai nostri militari. I nostri servizi di sicurezza restano all’erta. Seguiamo la situazione da vicino“, ha detto il premier del Belgio, Charles Michel.