Bere il tè caldo è pericoloso: ecco cosa si rischia

Ecco cos’ha scoperto uno studio dell’American Cancer Society.

tè

Il è una bevanda meravigliosa che può tonificare, purificare e persino avere in alcuni casi un effetto benefico sulla salute. Tuttavia, bisogna stare attenti alla temperatura prima di bere.

L’American Cancer Society ha studiato i dati di 50mila residenti in Iran di età compresa tra i 40 e i 75 anni per stimare l’effetto del tè caldo sull’esofago. I risultati hanno suggerito che il rischio di cancro esofageo aumenta del 90% in chi beve due grandi tazze (circa 0,70 litri) di tè riscaldato a oltre 60°C.

Se, però, si aggiunge del latte o si fa raffreddare un po’ la bevanda, allora la possibilità di sviluppare il cancro si riduce notevolmente.

Tuttavia, lo studio non ha specificato se questi risultati si applicano soltanto al tè o a tutte le bevande riscaldate a quella temperatura. Inoltre, in alcune parti del Sud America, Asia e Africa, molti consumano bevande ancora più calde.

tè

Il cancro esofageo è un tipo di cancro che colpisce il sistema digestivo che collega la bocca allo stomaco. Questo organo è più vulnerabile al cancro. I sintomi principali sono la difficoltà a deglutire e la perdita di peso senza una ragione apparente.

Quindi, per proteggere l’esofago da rischi inutili, è meglio seguire i consigli degli esperti su come preparare un tè delizioso e salutare.

Dal momento che l’acqua è un componente essenziale della bevanda, bisogna prestare attenzione alla sua temperatura: dovrebbe essere tra i 75 e gli 85 °C per i tè bianchi e verdi, mentre per i tè neri e alle erbe, da 97 a 100°C. Dopo che il tè è stato preparato, è opportuno assicuarsi di lasciarlo raffreddare un po’ prima di berlo.