Bibbiano, 24 rinviati a giudizio per l’inchiesta Angeli e Demoni

Tra gli imputati anche Andrea Carletti, sindaco di Bibbiano.

La Procura di Reggio Emilia ha chiesto il rinvio a giudizio per 24 persone nell’ambito dell’inchiesta Angeli e Demoni su presunte irregolarità nell’affido di minorenni in Val d’Enza.

L’udienza davanti al Gip è stata fissata per il prossimo 30 ottobre. Tra gli imputati per i quali è stato chiesto il processo figura anche il sindaco di Bibbiano, Andrea Carletti al quale si contestano i reati di falso e abuso di ufficio.

Sono 155 i testimoni citati dall’accusa, 48 le parti offese, tra cui l’Unione dei Comuni Val d’Enza, i Comuni di Gattatico e Montecchio, ministero della Giustizia e Regione Emilia-Romagna. L’inchiesta è stata seguita dai carabinieri, coordinati dal pm Valentina Salvi.

Tra gli imputati ci sono Federica Anghinolfi, ex responsabile dei servizi sociali dell’Unione Val d’Enza, la psicoterapeuta Nadia Bolognini e il marito Claudio Foti della onlus Hansel & Gretel.

I reati contestati nell’indagine sono, a vario titolo, peculato d’uso, abuso d’ufficio, violenza o minaccia a pubblico ufficiale, falsa perizia anche attraverso l’altrui inganno, frode processuale, depistaggio, rivelazioni di segreto in procedimento penale, falso ideologico in atto pubblico, maltrattamenti in famiglia, violenza privata, lesioni dolose gravissime, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

Agli atti, le false relazioni per ingannare i giudici e provocare l’allontanamento dei bambini dalle loro famiglie naturali, minori sottoposti a ‘lavaggi del cervello’ e convinti di essere anche vittima di abusi sessuali. E anche una chat di gruppo in cui si dimostra che i regali e le lettere dei genitori naturali, consegnati al Servizio sociale della Val d’Enza, non sono mai stati fatti arrivare ai bambini in affido.

LEGGI ANCHE: Emilio Fede è stato arrestato, era a cena con la moglie.